A CASA NOSTRA (recensione, Cinema4Stelle)

archivio pubblicazioni

recensione del film A CASA NOSTRA (I, 2006) di Francesca Comencini

Cinema4Stelle, novembre 2006
http://www.cinema4stelle.it/Recensione-A-casa-nostra.htm

Ha voluto indagare una delle principali storture della società in cui viviamo Francesca Comencini, con il contributo del giornalista autore d’inchieste Gianni Barbacetto: la circolazione illecita di denaro nell’ambito dell’alta finanza (e perciò di rendita, astratto dalla produzione) che provoca accumulo di potere, abissali disuguaglianze, abusi.
Ovvio, quindi, ambientare la vicenda a Milano, sede italiana della Borsa e degli affari.
Un banchiere, un “insider trading”, un prestanome, Guardia di Finanza, intercettazioni, una talpa istituzionale («se un magistrato li informa, hanno vinto»), coperture legali («hai un buon avvocato? In Italia sono necessari»), un politico coinvolto che – in comizio – parla di sicurezza e ronde. Con un corollario di ricatti, cocaina e amanti.

Dietro una facciata che è sfoggio di ricchezza elevato a valore («l’eleganza è fondamentale»), una realtà mercificata, di prostituzione diffusa capillarmente fino a quel potente strumento di controllo che è la televisione d’intrattenimento, fatta di pornografia dei sentimenti. Vige una guerra di tutti contro tutti, della quale a pagare il prezzo maggiore è la donna, già culturalmente sottomessa nel corso della Storia.
In tal senso, è potente l’immagine in parallelo di una prostituta in ginocchio davanti ad un uomo per un rapporto orale e la stessa, nella medesima posizione, davanti ad un prete per ricevere la comunione. In una sottomissione introiettata che depriva anche della solidarietà femminile (la scena della Golino intervenuta in un’aggressione in strada).

La regista, accumulando inutilmente altri personaggi e avvenimenti nell’intreccio, non và al fondo del nucleo centrale.
Inoltre, il panorama femminile è sentimentalmente forzato (la prostituta innamorata, l’amante fragile, la moglie paziente) e prioritariamente votato alla maternità, quasi come antidoto.
Aspetti, questi, che affievoliscono l’indignata voce morale («i soldi danno alla testa») e la dichiarazione di alterità e resistenza umana: «nonostante la facciano da padroni, questo paese è anche casa nostra».

Federico Raponi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...